BRAND360 Soluzioni per Aziende e Professionisti
0%
Close Preloader Screen

Rebranding: quando è davvero necessario

Il rebranding, è un processo attraverso cui un’azienda apporta modifiche alla propria identità. Approfondiamo alcuni aspetti del rebranding e vediamo quando diventa necessario farlo.

Come abbiamo già detto tramite il rebranding un’azienda può decidere di modificare parzialmente o totalmente la propria identità o quella di un prodotto/servizio.

Attenzione però, quando si parla di branding o marketing, ogni cosa va pianificata ed ogni variazione va fatta con coerenza ed in linea con la strategia aziendale. Vediamo ora i casi in cui una strategia di rebranding diventa davvero necessaria

indice dei contenuti:

 

  1. azienda in fase di crescita
  2. azienda in fase di fusione/scissione
  3. reputazione compromessa
  4. nuovo target di riferimento
  5. rinnovamento
  6. rebranding totale
  7. rebranding parziale
  8. rebranding conservativo
  9. rebranding proattivo
  10. esempi di successo
    1. Barilla
    2. peroni
  11. conclusioni

1 – azienda in fase di crescita

Se la vostra azienda sta crescendo ad un buon ritmo, ci sono in previsione lanci di nuovi prodotti o servizi, fare rebranding può essere molto utile per fare un bel salto di qualità.

Rebranding: quando è davvero necessario

2 – Azienda in fase di fusione/scissione

Il rebranding è necessario, anzi perfino obbligatorio addirittura, quando avviene una fusione o scissione tra due o più aziende. Il cambiamento in atto va comunicato con precisione a tutti, clienti, competitor ecc….

Vuoi già qualche chiarimento in più ?

Continua la tua lettura ma se hai già qualche dubbio su quando è necessario un rebranding siamo a tua disposizione.

3 – Reputazione compromessa

Può capitare che la reputazione aziendale sia lievemente danneggiata o completamente compromessa per via di associazioni a valori negativi. Il rebranding può rivelarsi molto utile  per riavvicinare il brand al proprio target di riferimento che comprende il valore dell’azienda e lo dissocia da determinate influenze negative.

Rebranding: quando è davvero necessario

4 – Nuovo target di riferimento

Il rebranding è consigliato quando un’azienda decide di cambiare il proprio target di riferimento. Il target aziendale è un elemento fondamentale da considerare durante la creazione di un’identità aziendale efficace.

Stai pensando che è arrivato il momento di pensare ad un rebranding ?

Un rebranding anche parziale può dare un nuovo slancio al tuo business. Scrivici per fare una chiacchierata senza impegno.

5 – Rinnovamento

Se la tua azienda è un’azienda storica,  sei sul mercato da molto tempo, magari  generazioni. Il rebranding è un’operazione consigliata per dare una “rinfrescata”  senza compromettere i valori che contraddistinguono l’azienda.

 

Dopo aver visto alcune motivazioni che rendono necessario un rebranding, passiamo ad analizzare alcune delle tipologie di rebranding tra cui possiamo scegliere.

6 – Rebranding totale

Un rebranding totale interessa tutti gli elementi dell’identità di un brand. Andrà ridefinita completamente la strategia del marchio, l’identitò visiva e quella verbale. Vanno riviste ovviamente anche tutte le strategie di marketing e advertising.

7 – Rebranding parziale

Parliamo di rebranding parziale quando le modifiche interessano solo alcuni aspetti dell’identitò aziendale.

Aumenta i tuoi Lead

Aumentare i Lead significa aumentare i potenziali clienti e di conseguenza il fatturato.

8 – Rebranding conservativo

Parliamo di rebranding conservativo quando decidiamo di intervenire praticamente solo sull’identità verbale dell’azienda, quindi nome, slogan e pay off, tono di voce.

Rebranding: quando è davvero necessario

9 – Rebranding proattivo

Il rebranding proattivo va nella direzione di un miglioramento della nostra Brand Awareness, cercando di ottenere benefici per quello che riguarda la percezione e la reputazione del brand.

10 – esempi di successo

Vediamo qualche esempio di rebranding di aziende conosciute da tutti.

1 – Barilla

Nel 2022, Barilla realizza un rebranding che prevede un nuovo logo, un nuovo packaging ed una nuova linea di prodotti.

Il packaging del brand è realizzato in cartone color blu scuro per la linea classica e nel colore rosso scuro per la pasta bronzo: non si tratta di una scelta solo stilistica ma sopratutto di una scelta che va verso la sostenibilità. Nei nuovi contenitori infatti l’utilizzo di plastica è quasi azzerato.

Rebranding: quando è davvero necessario

1 – Peroni

Nel 2021, Peroni ha realizzato un rebranding introducendo un nuovo logo, una nuova identità visiva ed una nuova strategia di comunicazione. La nuova etichetta mette in evidenza l’italianità del prodotto grazie all’uso dei due copy “Indiscutibilmente italiana” e “Prodotto a Bari, Roma e Padova”.

Rebranding: quando è davvero necessario

11 – conclusioni

Spesso non serve uno stravolgimento importante per avere migliori risultati dal nostro Brand. I dettagli come spesso succede fanno la differenza. Prendi un appuntamento per fare una chiacchierata senza impegno per capire se anche la tua azienda potrebbe aver bisogno di un rebranding.